Logo_white

La Cannabis nella Storia

Molte culture nel corso dela storia umana hanno riconosciuto l’importanza della Cannabis, sia essa a scopo medico, tessile o spirituale sin dall’alba della civiltà;

l'alba della civiltà

Furono probabilmente gli abitanti dell’antica Cina a scoprire l’uso della Cannabis col quale producevano corde, tessuti, archi, carta, olio e altre cibarie dalle semenze ed erano ben note le sue proprietà mediche.
Il primo caso documentato di utilizzo della cannabis risale al 2800 A.C. in Cina dove il leggendario imperatore Shen Nung, considerato il padre della medicina tradizionale cinese, descrisse le sue proprietà curative contro reumatistimi, malaria e svariati altri malesseri nei suoi trattati di medicina.

Pittura Rupestre Cannabis giappone
Pittura rupestre raffigurante foglie di Cannabis;
Kyushu - Giappone 10000AC

Essa veniva utilizzata regolarmente anche in India, sia per scopi rituali che per scopi medici, dove si usava per trattare una serie di disturbi come dolori, insonnia e problemi gastrointestinali.
Ne troviamo traccia in numerosi antichi testi indù  nel quale viene descritta come “fonte di gioia e felicità, donata agli umani per aiutarli ad essere felici e superare le loro paure”.

Il suo utilizzo toccò anche popolazioni più vicine a noi come gli antichi egizi che utilizzavano impacchi di Cannabis per trattare numerosi problemi come malattie degli occhi e infiammazioni.
Ne troviamo traccia in molti testi egizi e sono state addirittura rinvenute tracce di polline di Cannabis sulla mummia di Ramesses II.

La Cannabis si diffuse in tutta l’europa grazie anche alle antiche popolazione arabe, in conflitto con le popolazioni Cinesi per il controllo delle valli del centro asia (via che sarebbe poi stata ribattezzata “Via della seta“).
Durante queste battaglie alcuni prigionieri cinesi probabilmente rivelarono al nemico le loro conoscenze riguardo l’uso della Cannabis e la leggendaria ricetta della “Carta di Canapa” contribuendo a spargere la conoscenze di questa pianta tra le popolazioni medio orientali.

Seshat con foglia di cannabis
La dea egizia Seshat con una piuttosto chiara foglia a sette punte sulla testa;

Attraverso il popolo nomade degli gli sciiti si diffuse poi in tutta l’europa continentale.
Ne troviamo citazioni da parte dei greci Erodoto e Dioscorides, ma anche in altri parti d’europa come nell’impero romano da parte dell’imperatore Aureliano.

medioevo e rinascimento

Dati i suoi molti usi e il veloce tasso di crescita le coltivazioni erano molto presenti sia in Europa e successivamente nelle colonie Americane.
Vele, corde e telai fatti di canapa apparvero su molte imbarcazioni contribuendo notevolmente allo sviluppo della navigazione e alle grandi scoperte esplorative di quegli anni.

Illustrazioni di piante maschio e femmina di Cannabis;
"Les Grandes Heures d'Anne de Bretagne" un testo Francese del 1500;

In molti stati, come nell’antica Inghilterra di Enrico IV, venne imposta la coltivazione della Canapa da fibra a molti proprietari terrieri per rispondere alla domanda di materie tessili sempre più elevata, ma non mancavano i suoi usi a scopo ricreativo.
Analisi sulle pipe da tabacco di William Shakespeare hanno dimostrato una chiara presenza di Cannabis che utilizzava come stimolante durante i suoi momenti creativi.

Erano tuttavia varietà di Cannabis a bassa gradazione di THC (canapa o Hemp) abbastanza differenti dalle varietà più psicoattive coltivate da alcune antiche popolazioni a scopo rituale e medico, e fu solamente dopo la campagna di Napoleone in egitto che essa venne reintrodotta in nel mondo occidentale.

Studi sugli effetti benefici della Cannabis vennero compiuti a partire dal 1830 in numerosi stati, Francia, Inghilterra, Stati Uniti, etc.
Veniva utilizzata come piallativo verso molti disturbi come spasmi muscolari, dolori mestruali, crampi, reumatismi, epilessia, tetano, colera e rabbia e nel 1850 la marijuana venne ufficialmente inserita dagli Stati Uniti nella loro Farmacopea, un testo normativo atto a regolare l’attività farmaceutica nel paese.

Winter is coming

Il consumo di Cannabis ad uso ricreativo rimase a livelli piuttosto bassi fino agli inizi del 1900 quando immigrati Messicani in fuga verso gli Stati uniti a causa dei tumulti della Rivoluzione Messicana introdussero nella cultura americana l’uso ricreativo della Marijuana.

Ben presto tutta la paura, i pregiudizi che circondavano queste persone immigrate neglI USA, amplificati dai risentimenti dovuti alla Grande Depressione si riversarono direttamente sulla Cannabis.

I termini Evil Weed (“L’erba cattiva“) o Marijuana Menace (“La Minaccia della Marijuana“) divennero ben presto di uso comune, la pianta che ha accompagnato la civiltà umana per millenni aveva ormai assunto connotazioni negative e una oscuro secolo di Proibizionismo e Disinformazione era ormai alle porte.

Questa storia è suddivisa in tre parti! Prosegui la lettura con la terza parte
Storia moderna, perché la cannabis è Illegale?
e anche
Come è nata la Cannabis? Le origini di un mito

Erbanova di Moreno Lain | P.IVA 04366440248 | sitemap | Privacy Policy

×
×

Carrello